Carciofo violetto di Sicilia ibrido

da seme

  • Carciofo violetto di sicilia

Varietà di carciofo ibrido da seme medio precoce, adatta per il mercato fresco e l’esportazione. Il ciclo produttivo è di 150-180 giorni dal trapianto. Il carciofo violetto di Sicilia forma dei capolini leggermente allungati formando un calice serrato e chiuso, di colore viola intenso anche nei periodi caldi. In cucina ottimi da consumare in numerose ricette: caponate, carciofini sott'olio, sott'aceto, risotti di carciofi, polpettine di carciofi, liquori e utilizzati anche in erboristeria per le proprietà benefiche che apportano al nostro organismo.

Perché scegliere il carciofo ottenuto da seme:

-Elevata sanità delle piantine rispetto a quelle ottenute da ovulo o pollone

-Uniformità della vegetazione

-Maggiore contemporaneità nella produzione dei capolini

-Maggiore produttività

Caratteristiche nutrizionali: alimento molto energetico per il contenuto in carboidrati, tra i quali merita attenzione l’inulina che non fa aumentare la glicemia; per tale motivo il carciofo può essere consumato a volontà dai diabetici. Altre caratteristiche sono l’elevato contenuto in fibra e il basso contenuto di grassi. I capolini sono ricchi di cinarina, una sostanza che svolge un'azione benefica sulla secrezione biliare, favorisce la diuresi renale e regolarizza le funzioni intestinali.

Scheda Tecnica

Tipologia
violetto
Crescita
vigorosa
Tempi di raccolta
150-180 giorni dal trapianto
Forma frutti
leggermente allungati
Colore alla raccolta
viola
Uso in cucina
ottimi da consumare ripieni, a forno, tagliati, trifolati.

Indicazioni per la coltivazione

Coltivazione: è consigliato il trapianto del carciofo violetto di Sicilia da luglio a settembre.

Terreno: si adatta a tutti i tipi di terreno, ma preferisce quelli a medio impasto. Prima dell’impianto è importante preparare il terreno mediante una lavorazione profonda (aratura) creando un buon drenaggio per ridurre il rischio di marciumi radicali.

Irrigazioni: apportare l’acqua da luglio ad ottobre-novembre in base all’andamento climatico dell’anno. Per un risparmio di acqua si consiglia l’istallazione di un impianto di irrigazione a goccia.

Concimazioni: da effettuare, in maniera bilanciata, fino alla formazione del capolino. Evitare eccessi di azoto poiché favoriscono un eccessivo sviluppo delle foglie e rendono la pianta più suscettibile alle malattie.

Distanze di trapianto: 1 m sulla fila e 1 m tra le file (1000 piante / 1000 mq)

Disponibile nei formati le immagini sono puramente indicative

  • T1

    vaso

    H: 130mm

    Ø 100mm

  • T6

    minipack da 6 piantine

    H: 60mm

    L: 100mm

    P: 100mm

Iscriviti alla nostra Newsletter